Clam Chowder

Clam Chowder (Zuppa di vongole del New England)

Oggi vi portiamo in New England con il Clam Chowder, saporitissima zuppa di vongole, tipica di quella florida regione degli Stati Uniti, che affacciata sull’Atlantico, è diventata famosa per i suoi molluschi e crostacei. Una ricetta che rievoca i sapori della tradizione, da accompagnare indiscutibilmente col Classic Rock dei Boston!

“I looked out this morning and the sun was gone
Turned on some music to start my day
I lost myself in a familiar song
I closed my eyes and I slipped away…”

Boston, “More Than A Feeling”

Come tantissime altre ricette tradizionali, anche quella della zuppa Clam Chowder fu, ed è ancora al centro di controversie riguardanti la sua corretta preparazione; in particolare la diatriba principale concerne le sue due versioni più famose: la Manhattan Clam Chowder che prevede l’uso del pomodoro, e la Boston Clam Chowder che invece richiede l’utilizzo della panna. Noi ci siamo dedicate alla preparazione di quest’ultima, diretta discendente della Boston Fish Chowder, preparazione già nota ai coloni americani nel 1751, risultato di tradizioni anglosassoni e bretoni.

La popolarità del piatto fu implementa della descrizione fattane da Hermann Melville nel suo capolavoro, “Moby Dick”, in cui al protagonista ne veniva servita una versione arricchita col bacon; e quasi cent’anni dopo, Andy Warhol sceglie di ritrarre la versione del Clam Chowder della Campbell, il noto marchio americano di zuppe in lattina, elevandola ad icona Pop.

Una zuppa così famosa da aver conquistato anche la West Coast, dove, a San Francisco, la classica ricetta della zuppa del New England viene servita in pagnotte a lievitazione naturale, precedentemente svuotate ed usate come saporite ciotole da gustare man mano con la zuppa.

Eccoci dunque alle prese con una preparazione degna di marinai e bucanieri, secondo lo stile di Boston:

(Ricetta originale di Dave Lieberman)

INGREDIENTI (Per 4 persone)

CLAM CHOWDER:

2 cucchiai di burro
1/2 cipolla
2 coste di sedano
3 cucchiai di farina 00
500 ml di brodo vegetale
250 g di vongole al naturale
200 ml di panna da cucina o latte intero
2 foglie di alloro
450 g di patate, tagliate a dadini
Sale e pepe nero q.b.

CROSTINI ALL’AGLIO:

2 cucchiai di burro
1/2 baguette, tagliata a dadini di 2 cm di lato
2 cucchiai di prezzemolo tritato
1 cucchiaino di aglio in polvere
Sale e pepe nero q.b.

PREPARAZIONE

CLAM CHOWDER:

Riscaldate il burro in una pentola capiente, dai bordi alti, a fuoco medio; aggiungete cipolla e sedano finemente tritati e saltateli nel burro per un paio di minuti.

Versateci anche la farina e mescolate bene; aggiungete il brodo vegetale, il succo delle vongole (solo il succo!), la panna o il latte intero, le foglie di alloro, le patate tagliate a dadini e fate amalgamare il tutto. Portate ad un leggero bollore, mescolando costantemente, dopodiché riducete la fiamma al minimo e lasciate cuocere per 15-20 minuti, finché le patate risulteranno tenere, rimestando di tanto in tanto.

A quel punto aggiungete le vongole e aggiustate di sale e pepe; continuate a cuocere per almeno altri 4-5 minuti. Servite guarnendo i piatti con qualche ciuffetto di prezzemolo e coi crostini all’aglio.

CROSTINI ALL’AGLIO:
Sciogliete il burro in una padella e quando è caldo versateci i dadini ricavati dalla baguette e tostateli per 2 minuti; aggiungete prezzemolo, aglio in polvere, sale e pepe e continuate a saltare i crostini fin quando non risulteranno dorati; serviteli caldi.

Clam Chowder

ABBINAMENTO LETTERARIO:

Proprio all’inizio di “Moby Dick”, Melville descrive come Ishmael e Queequeg sbarchino a Nantucket, nel Massachussetts,  e si rechino al Try Pots Inn, “il più pescioso dei luoghi pesciosi”, locale famoso per il suo chowder.

“Ma quando la zuppa fumante arrivò, il mistero – di come una vongola potesse sfamare un uomo – fu piacevolmente svelato. Oh! amici cari, statemi a sentire. Era composta da piccole e succulente vongole, non più grandi di una nocciola, mescolate a gallette, a maiale salato tagliato a pezzettini! il tutto condito con burro e abbondantemente insaporito con sale e pepe.”

ABBINAMENTO MUSICALE:

Considerando come la ricetta affondi le proprie radici nella tradizione americana, abbiamo scelto di affidarci ad uno dei pezzi più iconici della storia del Rock: “More Than A Feeling”, dei Boston.

La decisione deriva da due fattori fondamentali: innanzitutto i Boston sono fra i gruppi più iconici dell’hard rock statunitense degli anni ’70, ed originari proprio di quella città, da cui prendono il nome, e poi il testo della canzone rispecchia in pieno i sentimenti creati dal legame fra ricordi e stati d’animo.

Così come il protagonista della canzone si ritrova immerso nelle sensazioni riportategli alla mente da una vecchia melodia, così anche un piatto della tradizione sa trasportarci indietro nel tempo, facendoci riassaporare il gusto delle cose perdute:

BONUS! ABBONAMENTO TELEFILMICO:

E per tutti coloro che non appena hanno letto “More Than A Feeling” hanno cominciato a canticchiare imitando il falsetto di Brad Delp, o hanno iniziato a strimpellare la loro air guitar, questa clip, direttamente da Scrubs, è tutta per voi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...